Prowine&You

Il modo migliore per dire la tua!
Summa 2017
25 Apr 2017

Summa 2017 – Un’esperienza da vivere

Forse troppo spesso si usa il termine “eccellenza” associato ad elementi nel mondo del vino. Impossibile limitarsi, dato che di eccellenze se ne continuano a scoprire ogni volta. Ma certo si può descrivere meglio questa eccellenza dandogli una forma, cucendole addosso un vestito tanto tangibile quanto elevato. Un esempio di tale eccellenza è certamente la Summa, evento che si tiene ogni anno nella storica Tenuta di Casòn Hirschprunn di Alois Lageder a Magrè. Quest’anno la manifestazione è stata compressa in una sola giornata, quella del 9 aprile, con 83 cantine presenti (nessuna per caso): molte sono certificate biologiche e biodinamiche, con Demeter ha uno stand all’interno della manifestazione. Di certo tutte puntano alla qualità più che alla quantità.

La Summa è ben lontana dal concetto di fiera enoica, perché si pone come momento di reale condivisione: lo testimoniano ad esempio le contadine di Magré, chiamate a preparare le famose frittelle di mele, una delizia locale che cucinano e servono davanti agli occhi dei visitatori. Oltre agli ottanta vignaioli erano presenti sette cuochi di fama internazionale (Giancarlo Morelli, Anatoly Kazakov, Fratelli Costardi, Norbert Niederkofler, Thorsten Probost, Yoji Tokuyoshi, Hannah & Elia) per il Walking Wine Dinner che ha aperto l’evento, un vero e proprio percorso enogastronomico che ha dato ai 500 ospiti presenti un’idea di cosa li avrebbe attesi il giorno dopo. La domenica si è entrati nel vivo dell’evento nel suggestivo palazzo rinascimentale del XVII secolo Casòn Hirschprunn e nella storica tenuta di famiglia Tòr Löwengang. Quest’ultima è stata resa disponibile nella sua interezza per la prima volta dopo 70 anni: un altro modo per celebrare la trentesima vendemmia del Cru Löwengang di Lageder. Come sempre accanto a tanta tradizione non sono mancati gli spunti per cercare di guardare oltre, con la presenza di etichette provenienti da Austria, Francia, Germania, ma anche Kazakhstan, Nuova Zelanda e Napa Valley, oltre ovviamente ai produttori italiani.

Tra gli assaggi più interessanti da segnalare anche quelli regalati dalla degustazione per celebrare i 20 anni della manifestazione di Alois Lageder, con bottiglie in attesa da almeno due decenni: dal Löwengang Chardonnay 1995 di Lageder al Guado al Tasso 1997 di Antinori, passando per un Boscarelli 1988, un Chianti Classico Vigneto La Casuccia 1995 Castello di Ama, un Brunello di Montalcino Riserva 1995 di Costanti, un Montevertine Riserva 1997, un Torrione 1996 di Petrolo prima di chiudere con il PJKuhn Riesling Beerenauslese 1996 firmato dalla Weingut Peter Jakob Kuhn. Degustare questi vini in un contesto quasi fiabesco e senz’altro frizzante può solo accentuare il piacere. Per questo l’invito è di andare voi stessi alla Summa appena ne avrete l’occasione.

Il bianco:
Cantina Terlano Pinot Bianco Rarità 2004
(Bianco Doc – 100% Pinot Bianco – 14% Gr.)

Il rosso:
Alois Lageder Cor Romigberg 2011
Rosso Doc – 93% Cabernet Sauvignon, 7%Petit Verdot – Gr. 13,5%

…e la bollicina:
Pol Roger Brut Vintage 2008
(Champagne – 60% Pinot Nero, 40% Chardonnay –  Gr. 12,5%)

Lascia un Commento

Diventa Socio!

Se non sei ancora socio dell’Associazione Prowine devi inviare questo form di registrazione. Ti ricordiamo che l’adesione è gratuita. Se sei già socio non occorre che tu invii questo form.

 

Nome *
Cognome *
Email *
Telefono *
Indirizzo *
N. Civico *
CAP *
Provincia *
Accetto il trattamento dei dati personali ai sensi del Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n.196 del Codice in materia di protezione dei dati personali.

×